• L’Italia e il Goal 5: progressi sull’occupazione, ma la parità è ancora lontana

    Il Rapporto ASviS 2019 evidenzia un sensibile miglioramento per quanto riguarda il Goal 5 tra il 2010 e il 2017, il cui indicatore dopo la flessione nel 2016 ha ripreso a crescere grazie all’aumento della quota di donne negli organi decisionali e nei consigli di amministrazione delle società quotate in borsa. A livello territoriale la situazione migliora nella maggioranza delle regioni italiane, specialmente in Centro Italia. Rimangono, tuttavia, forti differenze territoriali tra il Nord e Sud del Paese, in particolare per quanto riguarda la quota di donne elette nel Consiglio Regionale e il rapporto tra i tassi di occupazione delle donne con figli in età prescolare e delle donne senza…

  • 2020: parità di genere, bulli e teenager

    Il 2020 sarà un anno cruciale per le donne, la parità di genere e la salute? Così sembra pensare, fino dal titolo dell’editoriale, la rivista scientifica Lancet. Nel numero di fine anno si sostiene che «lo sviluppo sostenibile non si può raggiungere senza parità di genere». E tra i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibili decisi dall’Onu per il 2030 è il quinto, quello appunto sulla parità di genere, a risultare centrale. Ed è questo il fulcro anche del progetto europeo delle due Ong World Friends e Crescere Insieme dal titolo il femminile di uguale (www.ilfemminilediuguale.it). Laddove si intrecciano storie di donne con altri “Goal 2030” e in particolare Salute e Istruzione (SDG3…

  • Mind the 100 Year Gap

    È apparso l’ultimo ‘Global Gender Gap Report 2020’ pubblicato, come ogni anno, dal World Economic Forum. Una classifica dei Paesi, 153 presi in esame, sul gap di genere. Nessun Paese si avvicina alla parità di genere ma l’Islanda è al top seguita da Norvegia, Finlandia, Svezia. Poi vengono Nicaragua, Nuova Zelanda, Irlanda, Spagna, Rwanda e Germania. L’Italia è al 76° posto, era al 70°. I punteggi vengono assegnati su quattro grandi temi: economia, politica, istruzione, sanità. L’Italia è particolarmente penalizzata dalle opportunità e partecipazione delle donne. Il futuro? La previsione è che uomini e donne avranno le stesse opportunità e lo stesso trattamento nel mondo solo tra 99,5 anni; l’anno…

  • Le donne? Devono stare a casa per 1 italiano su 5. La realtà è che tra lavoro di cura e impegno professionale le donne lavorano molto di più degli uomini

    È quanto emerge dal sondaggio realizzato da Tecnè su “Donne e media: la sottile linea rossa della discriminazione di genere” presentato nel corso del confronto al Senato ‘Buone notizie Più voce alle donne’ promosso su iniziativa della vicepresidente del Senato Rossomando e dalla Sottosegretaria alla Salute Zampa che sottolinea: “Usiamo la specificità del pensiero femminile per cambiare le cose che non vanno” Donne ancora assorbite dal lavoro familiare e che per un italiano su cinque, ben oltre 8 milioni, dovrebbero restare a casa per prendersi cura dei figli senza lavorare fuori casa. Nella realtà le donne lavorano molto più degli uomini se si somma all’impegno professionale anche la cura della…

  • Gender gap: solo il 56,8% delle donne italiane lavora. La parità di genere è ancora lontana

    Secondo i dati Eurostat 2018, l’anno scorso quasi una donna su tre era a casa e non era interessata ad entrare nel mercato del lavoro, contro una media europea inferiore al 20%. Nonostante i più recenti dati Eurostat mostrino una crescita del tasso di attività delle donne italiane, il dato resta comunque il più basso in Europa, segno che la parità di genere continua ad essere un miraggio – sia che si parli di retribuzione, sia che si parli di percentuali di impiego. È l’Istat nel Report sui differenziali retributivi in Italia per l’anno 2017 a mostrare un trend in calo nella differenza di retribuzioni negli ultimi anni – con un +7,4%…

  • La musica de “Il Femminile di Uguale”

    Ci siamo! Il sito dedicato a “Il Femminile di Uguale: storie di emancipazione per la parità di genere” è ufficialmente online. Il progetto, presentato dalla Cooperativa Sociale CrescereInsieme e la ONG Amici del Mondo World Friends, ha vinto il bando “FRAME, VOICE, REPORT!”, cofinanziato dall’Unione Europea e dalla Regione Piemonte e implementato in Italia dal partner Consorzio Ong Piemontesi. Noi del Liceo Musicale “Saluzzo – Plana” di Alessandria ci onoriamo di aver contribuito all’importante iniziativa con la nostra Musica.   Ecco il link su cui dovete assolutamente cliccare per godere di tutti i contributi importanti che sono stati caricati e verranno aggiunti nel corso dei prossimi giorni.   Ora vi racconto in sintesi la…

  • La versione di Maurizio Paganelli

    Un progetto su alcuni dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) 2030, in particolare il 5, Parità di genere, prende la forma di un sito (www.ilfeminilediuguale.it) con materiale didattico, storie di donne, fotografie, video-interviste di italiane e immigrate in Piemonte e in Kenya, Nairobi. Arriva in rete dal 4 dicembre (mercoledì), promosso dalle ong World Friends, ponte sanitario sulla salute materno-infantile tra Kenya e Italia e CrescereInsieme di Acqui Terme, cooperativa sociale che lavora sul disagio giovanile e i migranti. Un sito articolato per l’utilizzo nelle scuole (14 coinvolte nel territorio di Alessandria-Asti) e la fruizione per chi ha voglia di approfondire gli Obiettivi 2030 dell’Onu collegando Parità di genere…

  • La versione di Enrico Pesce

    Equality. La parità di genere come energia vitale di una società che fatica a migliorare. “Il Femminile di Uguale” è un titolo di un progetto, secondo me bellissimo come bellissimo è il suo titolo, che si propone di affrontare lo studio “sul campo” della situazione della donna in una scalata sempre difficile e lunga verso una parità, sacrosanta, nei confronti dell’uomo. Esistono ancora troppe barriere culturali, sociali (che poi, spesso, sono strettamente connesse) e geografiche che rendono davvero faticoso il cammino della donna verso quella libertà di pensiero, e di azione che ogni essere vivente, a qualsiasi latitudine e longitudine, DEVE avere. Ovviamente vi sto parlando (anzi scrivendo) di cose che conoscete…